Andrei a 300 all'ora...

lunedì 7 dicembre 2009 di Giangiacomo
Dal prossimo 13 dicembre, alla stratosferica velocità di 300 chilometri orari, si potrà andare da Torino a Salerno in quattrooreemezza!
Ammetto di essere poco informato, ma ho paura che il cronista sia stato fin troppo ottimista sui tempi di percorrenza. Che ben venga però una svolta epocale di questo tipo. Era ora!
Peccato però che ci vogliano ancora più o meno tre ore per andare da Palermo a Messina (nemmeno 250 chilometri) e che per andare da Palermo a Villa San Giovanni, punto comunque ancora distante una vita da Salerno, possano volerci anche 4 o 5 ore.
Non sono però un estimatore del pontesullostretto, tutt'altro. Direi anzi di far parte di quella "fazione" di non pochi oscurantisti che farebbero volentieri a meno di una non indispensabile struttura, destinata a distruggere poco utilmente uno degli angoli più belli della Sicilia...
Sono invece molto legato al treno, anche per la sua lentezza.
Alcuni lontani periodi della mia vita sono stati generosamente scanditi dal rumore del treno.
Era bellissimo inseguire il panorama scorrere via e scomparire dal finestrino o curiosare dentro le case, anche solo per un attimo, giungendo lentamente alle stazioni. O ancora scoprire ogni volta, tra Palermo e l'estremo "nord" della Calabria, le infinite sequele di deserte e splendide spiagge sul Tirreno.
E continuo a rimanere di quest'idea, nonostante l'ultima mia esperienza in treno, che risale a due anni addietro, sia stata un'avventura tutt'altro che da ricordare...
Ma mentre, come ricorda l'articolo d'apertura, si continua a lavorare per il Terzo Valico e l'alta velocità verso Brescia e Venezia, pare che le ferrovie abbiano tra i propri piani l'abolizione del servizio di traghetti da e per la Sicilia.
E se ciò fosse vero, mentre a 300 all'ora si va da Torino a Salerno, per andare da Palermo a Salerno si dovranno quindi prendere nell'ordine un treno, un traghetto e ancora un altro treno.
Nulla può esprimere meglio il famigerato e obsoleto, ma tanto attuale, concetto di Italiaaduevelocità.
Al cronista di prima chiederei quindi a questo punto se il treno Frecciarossa, oltre ad essere previsto tra Torino e Salerno, è ugualmente previsto anche tra Salerno e Torino...
  1. è buffo pensare che , nel frattempo, per andare da Roma a Spoleto (o viceversa) bisogna scegliere tra treni che non farebbero nessuna invidia ai pionieri del far west; spesso questi convogli accumulano, in un viaggio che dovrebbe durare circa un'ora e quaranta, ritardi di quindici venti minuti.

  2. Vogliamo parlare dei treni in sardegna?

    Pittoreschi quanto volete...ma non bisogna Havere fretta!

    Hepp'oi...TAV su, TAV giù...intanto FI-MI AR mi costa cento EURI, invece dei vecchi 60...E francamente 40 euro per un'ora in meno mi sembra un furto!

  3. In Sardegna non so, ma certo in Sicilia non scherzano nemmeno.
    Escluso il tratto PA-ME, che è l'unico elettrificato, ma che è anche un binario unico e solitario...
    Tutto il resto del trasporto su rotaia, sempre unica quando c'è, dovrebbe essere a gasolio.
    Diciamo che ciò che in una vita ho visto adeguare, è soltanto il prezzo del biglietto.
    Mortificante, quanto meno... :S

  4. le ferrovie sono in condizioni disastrose e ti fanno perdere proprio la voglia di viaggiare in treno

  5. Noi ormai siamo un vuoto a perdere, la gente parte in treno se è figlio di ferrovieri o se ha paura dell'aereo.
    Figurati se mai faranno investimenti per avere anche noi una cosa del genere...
    Tanto la nostra isola va avanti a pullman e treno per chi ha voglia di gustare ancora quel sapore antico.......

Posta un commento